Il grooming

grooming ‹ġrùumi› s. ingl. [der. di (togroom, propr. «strigliare, pulire (un cavallo)»] – Treccani.

Con il termine grooming etologicamente s’intende il comportamento naturale di pulizia del mantello o della pelle [Treccani], che adottano i cavalli nel branco in natura oppure durante la loro permanenza nel paddock in scuderia. 16

In natura, il grooming può essere di due tipologie, a seconda che sia svolto reciprocamente oppure per conto proprio. Nel primo caso, assume il connotato di allogrooming e consiste in una serie di comportamenti, posti in essere con un altro membro del branco, ponendosi con i denti l’uno sul garrese dell’altro per grattarsi e sfregarsi in modo ritmico e in diverse parti del corpo; infatti, tale strategia viene utilizzata dai cavalli in branco per raggiungere zone particolari del corpo, che rimangono escluse dall’autogrooming, come garrese, collo, o le parti laterali del torace. Tuttavia, la finalità più importante dell’allogrooming è il consolidamento dei legami tra i componenti del branco, affermando il legale sociale e le varie gerarchie presenti nel gruppo. 

L’autogrooming è contrapposto all’allogrooming e, consiste, principalmente, in una serie di comportamenti, posti in essere dal cavallo, per curare il proprio corpo sia attraverso l’uso di rami o altre superficie che consentono il grattarsi, ossia lo sfregamento, oppure movimenti, come rotolamento e il conseguente scuotimento,  in cui il cavallo utilizza il suo corpo per pulirsi o grattarsi.

Per quanto riguarda il cavallo scuderizzato, il grooming è principalmente ad opera nostra; con tale termine s’intende la cura e la pulizia del suo mantello e corpo attraverso specifici utensili, come striglia – bruscone – nettapiedi etc. ed ha svariati effetti. Un primo effetto o finalità può considerarsi il favorire l’ottimale condizione fisica del cavallo, in quanto la sua pulizia quotidiana consente di valutare il suo stato di salute e benessere e verificare la presenza di eventuali ferite o malesseri dell’animale. Altresì, ci sono dei benefici anche sulla psiche del cavallo: infatti, con il grooming, si utilizza il contatto fisico per rilassare e abbassare lo stress dell’equide. In aggiunta, con tale pratica si hanno dei vantaggi anche sul rapporto con il cavalli: infatti, con tale approccio, si migliora la confidenza, fiducia e riconoscenza instaurando una vera e propria relazione, la quale ci aiuta a diminuire i nostri stress, ansia e tensione sia fisici che psichici.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close